Viaggi che vorrei tanto fare quest’estate.

E aggiungo subito: ma che non farò perché non ho soldi. Dovevo scrivere viaggi immaginari?

 

E’ dunque arrivato aprile e con esso il tragico momento in cui si comincia a vedersi tra amici per parlare e decidere dove diavolo andare in vacanza quest’estate. Ebbene, siccome a quanto pare quest’anno io me la scampo perché nessuno ha tempo, voglia e certezze per organizzare, io mi faccio la mia lista di luoghi da sogno che non vedrò comunque perché sono lontani e il biglietto aereo costa troppo. Preparate la valig..ah no vabbé.

 

Berlino. Sì ci sono già andata e gnignigni, però ci sono stata solo tre giorni con la scuola che significa che non ho visto niente o quasi che valga la pena ricordare e raccontare ai nipoti. Quindi vorrei poterci tornare, fare le cose come dico io, e godermi la città che mi è parsa bellissima vista dal finestrino dell’autobus. Fino a Berlino in autobus da Trento, sì.

Londra. Altra città già vista. Però. A gennaio non è che sia simpaticissima. E poi il Globe non fa spettacoli. Quindi andarci in estate e guardarmi un Giulio Cesare in piedi sotto il sole per quattro ore mi piacerebbe un sacco. E comunque anche Londra non è che io l’abbia visitata in lungo e in largo eh, quindi ho un conto in sospeso.

La Grecia. Lo ammetto. Dovete sapere che è da qualche tempo oggetto di grande controversia tra me e il Coso perché lui vuole andare lì a tutti i costi e io no. Però ho dato un’occhiatina al mare e ok, dai, si potrebbe fare. Purtroppo non sono un’esperta di greco e di storia dell’antica Grecia, quindi non so quali monumenti vorrei vedere da morire, però mi accontenterei del mare, diciamocelo.

Capo Verde. Europa addio. Anche in questo caso ho dato uno sguardo al mare e mi sono innamorata. Senza contare che i voli non costerebbero tanto come pensavo. L’unico grande problema è che si tratterebbe puramente di andare in vacanza al mare, perché non credo ci sia molto da vedere. E volevo sembrare un pochino acculturata ecco.

L’Africa. Per la precisione il Kenya, Zanzibar o il Madagascar. Ho provato a vincerci una vacanza con il concorso della Coca Cola l’estate scorsa ma ovviamente sono sfigata e non ha funzionato. Però sono posti che mi attirano molto, sia per il mare incantevole sia perché me li immagino esotici e all’esatto opposto rispetto al mondo in cui vivo, quindi è un’esperienza che vorrei fare.

L’Australia. Storia di un grande amore. Ci volevo andare anche dopo la maturità, ma purtroppo mi trovo costretta a riconoscere che il biglietto aereo costa davvero davvero troppo. Anche se ho la fortuna di avere dei parenti lì che ancora si ricordano di essere italiani, non penso che arriverò a vederli per i prossimi anni. Quando sarò una scrittrice di successo, insomma, il mio primo viaggio sarà sicuramente a Melbourne. Fino ad allora, sogno.

New York. Questo mio folle folle desiderio deriva dal fatto che anche per questa città ho guardato i voli e costano niente. O meglio, costano niente rispetto a quello che mi aspettavo, poi costano comunque abbastanza. E vi giuro che me la farei una settimanina a New York quest’estate eh, se non fosse che per l’America ho un altro progetto di cui non vi ho mai parlato: voglio vedere ogni angolo.
Il mio sogno americano è di prendere un camper o una roulotte in Canada e girare tutto il continente finché non mi sento abbastanza soddisfatta. Quindi credo che non mi farò spoiler inutili vedendo New York e fingendo di accontentarmi.

Il Giappone. Più che altro per il sushi, lo ammetto. Però deve andarci il caro vecchio Kri e penso che quando tornerà lo invidierò con tutta me stessa, quindi se fossi ricca pianificherei un viaggio lì e lo farei prima che lui potesse tornare a farmi rabbia per non esserci stata.

Le Maldive o i Caraibi. Sono scontata? Molto bene, sono scontata. Però lasciatemi sognare una settimana su una spiaggia paradisiaca a fare assolutamente niente mentre faccio finta di abbronzarmi. Questo viaggio sarebbe puramente mare, lo so, però allo stesso tempo sarebbe anche molto rilassante non credete?

Un tour europeo. Che alla fine è un’alternativa plausibile per quest’estate. L’idea sarebbe quella di prendere la macchina e andare, che ne so, in Svezia, facendo tappa in svariate capitali europee. Mi affascina molto quest’idea, andare a caso e fermarsi un po’ dove capita a vedere quello che c’è, senza impegnarsi troppo a organizzare e scoprendo paesaggi che invece dall’aereo non si vedono. Però rimane da dire che la benzina costa, quindi non è detto che sia fattibile.

Rimini. No, non è uno scherzo. Fin da quando sono piccola vado a Rimini con i miei genitori tutti gli anni. Ovviamente ho smesso quando sono stata abbastanza grande da poter badare a me stessa, ma mi piacerebbe tornare nei luoghi della mia infanzia con i miei amici e portarci un po’ di disagio. Sarebbe divertente andare tutti sullo stesso acquascivolo che mi ha vista rischiare la vita più volte accompagnata dagli amici invece che da mamma e papà.

Il Trentino. Lo so che ci vivo, però vorrei prendermi del tempo per visitare quei luoghi che non ho mai visto. Per esempio Bolzano, il famosissimo lago di Braies e cose del genere. Ce le ho a un passo dalla porta di casa eppure non ci vado mai perché ormai a casa ci sono poco e non ho molti amici con cui potrei andarci.

 

Detto questo, credo che sia venuto anche per questa volta il momento di salutarci. Non so dirvi con precisione cosa farò e dove andrò quest’estate, a parte il lago e casa mia ovviamente. Ma non credo che di questo vi interessi molto ormai, visto che sarebbe il terzo anno di fila che ve lo racconto.

Prima di lasciarvi volevo farvi sapere che per maggio avevo in previsione tre post, tutti sul Signore degli Anelli ma non credo che riuscirò a parlarne così tanto quindi vi posso dire che sicuramente uno o due saranno a tema, mentre il terzo sarà un post a sorpresa come piacciono tanto a me.

A presto!

Questa l’ha scattata il mio papà dalle parti del Capo di Buona Speranza, altro posto che vorrei visitare ma che ho dimenticato di menzionare.

Da oggi potete supportarmi anche su Patreon!
Precedente Storia di una laurea ottenuta con sangue, lacrime e sudore. Successivo Sono sparita di nuovo?