Aggiornamenti e Loacker.

Sto scoprendo che non c’è niente al mondo che mi faccia innervosire più di un “la pagina non è disponibile”. Perché sai com’è, cara vita, mi piacerebbe pubblicare le cose che scrivo.

Sto scrivendo molto meno di qualche settimana fa, ma questo è dovuto al fatto che adesso c’è anche Sky a tenermi compagnia e, a volte, una connessione scroccata.

Sto iniziando a studiarmi la storia del mio amato paese di 250 anime così un giorno potrò davvero provare a scriverci qualcosa di decente come promesso, ormai dodici articoli fa. E mi piacerebbe ricominciare a cercare di scrivere un libro serio perché mi sa che è ora.

Cosa ben più importante, sto iniziando a sentire il bisogno di trovarmi un lavoro serio o qualcosa che ci si avvicini, non dico per potermi mantenere completamente da sola ma almeno per avere la consapevolezza che se mi faccio un giro per il centro e decido di ammazzarmi di cibo (cosa che succede abbastanza di frequente) quel gelato, quel panino, quel qualsiasi cosa, l’ho comprato con soldi che ho guadagnato io con la mia fatica.

Mi fa piacere vedere che anche se ormai sta finendo ottobre io ho stranamente voglia di fare, di scrivere, di vivere. Per una volta forse l’inverno non mi sta buttando giù completamente, per una volta forse ce la faccio. Anche se ovviamente non è semplice farlo senza internet al mio fianco e con un’infinità di programmi nuovi tutti da scoprire. Grazie coinquilina per aver scelto Sky.

Sto anche riuscendo ad andare a correre e a mantenere uno dei miei mille propositi per una volta, anche questo lo trovo alquanto strano.

Insomma, gli aggiornamenti dovevano essere pochi e invece poi mi è venuta voglia di parlarvi un po’ di me, perché mi piace farlo, perché anche se sto solo raccontando cose banali mi piace pensare che magari riesco a strappare un sorriso a qualcuno dall’alto della mia stupidità, o che con qualche cosa riesco a commuovervi, a farvi pensare a qualcosa di vostro, mi piace pensare che ci capiamo.

E per quanto riguarda chi so che mi capisce, ringrazio E. per essere tornata a leggermi dopo tanto tempo, scusa se ti ho fatta piangere, non era mia intenzione ma allo stesso tempo mi fa piacere sapere che anche tu ci hai visto qualcosa in quello che ho scritto.

Così, visto che ormai non andiamo da nessuna parte, visto che ormai ho iniziato a parlare di me e sembra inutile parlare di qualcosa in particolare dopo più di cinquecento parole totalmente dedicate a me stessa, continuerò a farlo.

Non so se avevo già detto che ho comprato un coniglietto qualche settimana fa, non pubblico una sua foto perché è ancora piccolino e i pedofili potrebbero approfittarne oppure la sua seconda mamma potrebbe denunciare me per questioni di privacy, ma comunque ho un piccolo coniglietto adorabile che si chiama Loacker e ci tenevo ad informare chiunque mi legga e non lo sappia ancora.

Anche se al momento non è poi così adorabile, visto che sta facendo tutto il casino che un cosetto di due mesi è in grado di fare. Resta il fatto che è un coccolino e che c’è già qualcuno che lo chiama addirittura “scricciolo”.

 

Per finire, parlando di cose future e importanti per me, nel momento in cui ho ripreso a scrivere questa pagina per finirla e pubblicarla ho appena finito di compilare il curriculum così ora posso cercarmi un lavoro serio e guadagnare del denaro mio, che sarebbe una bellissima soddisfazione.

 

E chiudo qui, scusandomi se questa pagina ha annoiato qualcuno ed è stata molto più corta di quelle solite ma per una volta volevo davvero parlare di me visto che recentemente non vedo molto i miei amici e non posso parlarne con loro. (L. sì sto parlando con te, vieni a trovarmi).

 

Aggiunta del 17 novembre: pubblico una foto perché adesso non è più così piccolo e non temo i pedofili.

 

loki

Da oggi potete supportarmi anche su Patreon!
Precedente La forza di andare avanti. Successivo Passato.